Leonardo in città

In occasione della mostra Leonardo. La Scienza prima della Scienza, le Scuderie del Quirinale, come da consuetudine, propongono al proprio pubblico un programma di incontri per approfondire alcuni aspetti dell’esposizione e per indagare, con una prospettiva contemporanea, alcuni dei temi in discussione.

Un calendario di appuntamenti con studiosi, specialisti e protagonisti del dibattito culturale per riflettere insieme sull’eredità e l’opera di Leonardo da Vinci nelle declinazioni legate alla storia della scienza, dell’arte, della tecnica e del pensiero del Rinascimento.

 

Teatro Argentina
Sabato 23 marzo ore 11.00
Leonardo e l’unità della conoscenza- Un’introduzione alla mostra
Interventi: Claudio Giorgione, Carlo Vecce
Per improrogabili impegni sopravvenuti il prof. Pietro Marani sarà sostituito dal prof. Carlo Vecce

In collaborazione con il Teatro di Roma – Teatro Nazionale

Claudio Giorgione, curatore della mostra, e Pietro Marani, fra i massimi studiosi di Leonardo, introducono il pubblico ai temi della mostra approfondendo l’intima relazione tra l’opera di Leonardo e la storia della scienza, dell’arte, della tecnica e del pensiero rinascimentale. Al centro dell’incontro, gli aspetti realmente unici e innovativi del lavoro di Leonardo da Vinci e il senso dell’eredità del suo pensiero nei confronti della contemporaneità.

 


Biblioteca Angelica
Mercoledì 10 aprile ore 18.00
Il sapere collettivo. Da Leonardo pioniere del moderno pensiero scientifico a Wikipedia
Interventi: Riccardo Luna, Martin Kemp, coordina Stefano Chiodi

In collaborazione con la Biblioteca Angelica

Cos’era la conoscenza al tempo di Leonardo e cosa è oggi nell’era digitale? Stefano Chiodi dialoga sul tema con Martin Kemp, autorità internazionale per gli studi su Leonardo e le relazioni contemporanee tra arte e scienza, e con Riccardo Luna protagonista della trasformazione digitale del giornalismo italiano. Partendo dall’esame del contesto rinascimentale e delle fonti a nostra disposizione, è l’occasione per approfondire il confronto fra Leonardo e i suoi contemporanei, spunto per un’attuale riflessione sulla condizione del sapere contemporaneo.

 


Villa Medici
Mercoledì 17 aprile ore 18.00
Rendere visibile l’azione degli elementi: Leonardo e il paesaggio
Interventi: Gregory Quenet, Carlo Vecce con Claudio Giorgione


In collaborazione con Accademia di Francia a Roma

I disegni di Leonardo, strumenti preziosi per indagare gli effetti della natura sul paesaggio, portano a riflettere sul complesso rapporto tra osservazione e ambiente. Claudio Giorgione affronta questo nodo del pensiero contemporaneo dialogando con Gregory Quenet, tra i maggiori specialisti europei di storia ambientale, e Carlo Vecce, filologo, studioso del Rinascimento e di Leonardo. Al centro della conversazione, l’approccio leonardesco all’indagine scientifica.


Liceo E.Q. Visconti- Wunder Musaeum
Martedì 14 maggio ore 18.00
La scienza dell’arte: strumenti, macchine e meraviglie

Interventi: Emmanuel Lurin, Cristiano Zanetti, con Claudio Giorgione


In collaborazione con Il Liceo Classico Statale "Ennio Quirino Visconti"

Qual era il significato e la funzione dell’innovazione tecnologica nel Rinascimento? Claudio Giorgione dialoga sul tema con Emmanuel Lurin, esperto di arte rinascimentale, e Cristiano Zanetti, studioso di storia dell’innovazione tecnologica. Partendo dalle riflessioni di Leonardo su macchine e strumenti, un approfondimento su come, nel tempo, la tecnologia sia stata fonte di meraviglia nelle arti e nei giardini.

 


Sala Didattica Scuderie del Quirinale
Mercoledì 15 maggio ore 17.30
Presentazione del libro “I teneri ingegni. Il Leon Battista Alberti” di Benedetta Bellu
Interventi: Benedetta Bellu, Arnaldo Colasanti, Claudio Giorgione

 



Accademia di San Luca
Giovedì 23 maggio ore 18.30
Come si crea un Mito: Leonardo e il Salvador mundi


In collaborazione con l’Accademia Nazionale di San Luca

Interventi: David Ekserdjian, Pierluigi Panza coordina Stefano Chiodi

Stefano Chiodi incontra David Ekserdjian, studioso del Rinascimento ed esperto di storia del collezionismo, e Pierluigi Panza, giornalista del Corriere della Sera. Insieme ripercorreranno le tappe che contribuirono ad alimentare la fama del genio di Leonardo: dai caratteri quasi mitologici della sua figura, agli interrogativi legati alle sue opere, fino alla clamorosa e dibattuta vendita del Salvator Mundi.

 

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Per l’incontro al Teatro Argentina è possibile prenotarsi sulla piattaforma eventbrite.it